Storia di una matita – Lo spettacolo teatrale


Michele D'Ignazio

Info e richieste: storiadiunamatita@gmail.com –  339/7072093

“Storia di una matita”, il romanzo di Michele D’Ignazio edito da Rizzoli, arrivato alla 12a ristampa, opera segnalata al Premio Letteratura ragazzi di Cento e finalista al Premio Biblioteche di Roma, è anche uno spettacolo di narrazione e burattini! 

Durata: 60 minuti

Età di riferimento: 4 – 10 anni

Lo spettacolo nasce dall’incontro tra lo scrittore Michele D’Ignazio e il burattinaio Angelo Aiello, che hanno trasformato la storia di Lapo in uno spettacolo di narrazione e teatro di figura. È una esperienza ricca di emozioni e sorprese!

Narrata direttamente dall’autore del romanzo e resa speciale dai burattini realizzati e animati da Angelo Aiello, i quali, con modi esilaranti, buffi e coinvolgenti, interagiscono con i ragazzi e rendono la rappresentazione fonte di partecipazione e ispirazione.

8-le-bolleLa musica è scritta ed eseguita dal vivo dalla violoncellista Rachel Icenogle. Sono invece ad opera di Gianluca Salamone i disegni che prendono vita su una lavagna luminosa, si animano, seguono le linee sinuose del racconto e sono capaci di incantare la vista dei piccoli spettatori.

“È stato un lungo cammino iniziato nel 2015: più di 600 repliche nelle scuole, nei teatri e nei festival, ma ancora ci aspettano tante sorprese” afferma Michele D’Ignazio.

“Quella dei burattini è un’arte meravigliosa, che appassiona i piccoli e sorprende anche i grandi! La mia è quasi una danza –  rivela Angelo Aiello – osservo da una prospettiva diversa i burattini che ho realizzato. Li scruto dal basso, mentre il mio sguardo è rivolto verso l’alto. Rido con loro, ballo con loro, parlo con loro.

0064Dopo lo spettacolo è previsto un incontro con il burattinaio e l’autore del romanzo che soddisferanno tutte le curiosità tecniche e artistiche che i bambini vorranno sottoporre.

È possibile inoltre associare lo spettacolo ad un laboratorio di costruzione di burattini e/o ad un incontro approfondito sul mestiere dello scrittore.

Lo spettacolo ha visto finora più di 600 repliche nelle scuole e nei teatri.0071

Il Luogo

Il luogo ideale è un teatro, ma anche una sala conferenze può andare bene. L’importante è che sia abbastanza grande da prevedere almeno 150 posti a sedere e che l’acustica sia buona.
Per la buona riuscita dello spettacolo è preferibile che i bambini non si siedano a terra e che quindi il luogo sia fornito di sedie.
Siamo provvisti di impianto audio e completamente autonomi nel montaggio della scenografia.

Acquisto libri

Sarà inoltre possibile, quando richiesto, acquistare copie dei libri Storia di una matita, Storia di una matita a scuola e Storia di una matita. A casa, editi da Rizzoli.

“Se Gianni Rodari potesse incontrare Michele D’Ignazio

gli stringerebbe la mano e gli direbbe

“Caspita, la storia della matita Lapo avrei proprio voluto scriverla io!”

Lara Madoglio

“Nella carica di autori fra i trenta e quarant’anni
che scrivono in modo nuovo
anche Michele D’Ignazio di cui Rizzoli pubblica
la serie di «Storia di una matita»
La Nuova Sardegna

“Se dovessi immaginare un libro da leggere ad alta voce,

poetico e un po’ buffo, sicuramente penserei

ai libri di Michele D’Ignazio in cui

si narrano le vicende di Lapo.”
Valentina Di Martino

La storia appassiona bambini e ragazzi. Lo dimostra l’affetto
che travolge D’Ignazio in ogni scuola dove viene invitato.”
Solferino 28 – Rubrica del Corriere della Sera

Gli autori

Michele D’Ignazio (micheledignazio.org)
Michele D'Ignazio5Scrittore e documentarista, è autore della serie bestseller di “Storia di una matita” e di  “Pacunaimba”, un romanzo avventuroso alla scoperta del Brasile più nascosto. Tutti i suoi libri sono pubblicati da Rizzoli. Ma sono tanti i progetti paralleli alla scrittura. Oltre ai numerosi incontri nelle scuole e ai progetti radiofonici creati con i bambini (come “La radio nello zaino”), da “Storia di una matita” è nato uno spettacolo di narrazione e burattini che, insieme ad Angelo Aiello, viene messo in scena nelle scuole e nei teatri. Collabora in veste di direttore artistico all’organizzazione del festival “B-Book. Un mondo di arte e letteratura per bambini”, che si tiene ogni primavera presso la Città dei ragazzi di Cosenza.

Angelo Aiello (compagniaiello.it)
Angelo AielloBurattinaio, attore, regista e maestro di fantasia inizia il suo percorso nel 2001 partecipando al corso di formazione per burattinai presso la compagnia teatrale Casa di Pulcinella, a Bari. Lo stesso anno frequenta un corso per la formazione professionale come operatore del Teatro di Figura. Consegue il diploma di burattinaio nel luglio del 2002 e inizia la sua attività di palcoscenico con la Compagnia “Arrivano dal Mare!”, a Cervia (RA), che lo porta a partecipare a numerosi festival in Italia e all’estero (Francia, Belgio, Austria, Israele, Polonia). Nel 2007 partecipa come burattinaio allo spettacolo “La ci darem la mano”. Svolge la sua attività di burattinaio e formatore in Calabria, collaborando con l’Associazione culturale “Mammalucco”, a Taurianova (RC). Nel 2013 partecipa al Wayang World Puppet Carnival, Festival Internazionale del Teatro dei Burattini, a Jakarta (Indonesia).

Gianluca Salamone (gianlucasalamone.it)
SalamoneArtista poliedrico ed eclettico, sempre attivo nello sperimentare nuovi linguaggi espressivi, è costantemente affascinato dalla fusione e commistione delle diverse tecniche e discipline artistiche; per tale motivo si vede impegnato nella realizzazione e allestimento di eventi spettacolari tra teatro, danza, musica e pittura. La sua attività si sviluppa anche nell’ideazione e realizzazione di numerosi laboratori creativi all’interno delle scuole, enti pubblici e privati, associazioni impegnate nel sociale e iniziative di carattere culturale, laboratori anche improntati sul riutilizzo creativo dei rifiuti. Nelle sue opere la tecnica pittorica tradizionale viene affiancata dall’aerosolart e arricchita con elementi scultorei multi materici e decorazioni a mosaico.

Rachel Icenogle (rachelicenogle.com)
RachelVioloncellista versatile, specializzata in musica sperimentale, esplora le varie tonalità del suo strumento, alla ricerca di ciò che è unico e inaspettato. Fa parte del Philadelphia Band Upholstery, ha al suo attivo numerose collaborazioni con compagnie teatrali.

La Trama del libro e dello spettacolo

Lapo si è appena trasferito in una grande città per realizzare il suo sogno: diventare illustratore. Ci spera talmente tanto che a un certo punto, a partire dalle sue dita, il suo corpo si trasforma in una gigantesca matita. È uno sconvolgimento nella sua vita quotidiana: anziché pettinarsi deve temperarsi, lascia segni ovunque e si fa sgridare dal custode del condominio che è stufo di ripulire i suoi scarabocchi. La sua testa è diventata una gigantesca punta di grafite. Per uscir di casa, ha bisogno di un viso con degli occhi, delle orecchie, una bocca… una faccia per ogni circostanza, per ogni emozione: ne disegna più di un centinaio, ma ben presto si rende conto che non bastano. Ma superato lo shock iniziale, il ragazzo-matita non si perde d’animo: si inventa un modo per comunicare con gli altri, trova un lavoro e si lancia alla scoperta di un mondo che ha un gran bisogno di essere ridisegnato. 

 

 

matita3 - Copia.

La storia continua… ecoo il secondo libro della serie… 

 

Michele D'Ignazio - A scuola (Rizzoli, 2014)

Michele D’Ignazio – A scuola (Rizzoli, 2014)

Titolo: Storia di una matita. A scuola Autore: Michele D’Ignazio Editore: Rizzoli Pagine: 144 Anno di pubblicazione: 2014 – 5a ristampa: Novembre 2018 Prezzo di copertina: 8,90 €

Lapo diventa supplente d’arte in una scuola elementare e si ritrova con una classe speciale di soli otto alunni, ma ognuno fatto a modo suo: c’è Paolo che pensa solo al calcio, Pamela che parla poco, Tommaso che ha paura di tutto e si mette le dita nel naso… E poi ancora Sabrina, Dario, Matilde, Carla e Filippo. Anche Lapo, però, è un maestro particolare, che non assomiglia molto agli altri insegnanti. Lui i bambini li fa disegnare sul cemento del cortile, li ascolta, li porta al lago e, in barba a compiti e programmi, li incoraggia a creare mondi nuovi dove il confine fra realtà e immaginazione si fa molto ma molto sottile… Una nuova avventura del buffo Lapo, per i tanti lettori che si sono appassionati a Storia di una matita, ma anche per tutti quelli che non lo conoscono ancora.

Michele D'Ignazio_Storia di una matita

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s